Giacomino Pugliese, Tuttor la dolze speranza

Tut[t]or la dolze speranza
di voi, donna, mi conforta;
membrando la tua sembianza,
tant’è la gioi che mi porta,
che nulla pena mi pare sofrire,
cotant’è lo dolzore,
ca tut[t]’ore – lo cor mi fa sbaldire.
Non pensai, dolze amore,
ca null’ore – dovessi da me partire.
Donna dolce e piagente,
la vostra gran caunoscenza
non falli sì grevemente,
c’abassi vostra valenza.
S’abandonassi ciò c’ai[o] conquiso,
perderia lo gran pregio,
[ . . . . -egio]
[ . . -egio] – sì alt’amor disciso.
Oi bella dolzetta mia,
non far sì gran fallimento
di creder la gente ria
de lor falso parlamento.
Le lor parole sono viva lanza,
che li cor van pungendo
dicendo – per mala indivinanza.
Donna, merzè, ch’io ‘ncendo
vegendo – partire sì dolze amanza.
Donna, se me ‘n vuoli intendre,
ver me non far sì gran faglia:
lo mio cor mi degie rendre,
ch’è distretto in vostra baglia,
chè grande perdanza di me saria
perder lo core e vui
abendui; – bella, per voi non sia:
lo dolce amor, che fui
infra no’ dui, – non falli, donna mia.
Donna, se ‘nver me falzassi,
ben lo saccio tanto fino,
che ‘l vostro amor si ‘nabassi,
di voi diria Giacomino
che vostra usanza sia spessamente
che ti ‘nfinga d’amare,
poi par[e] – a noi trezeria parvente.
Donna, merzè, non fare:
in fallare – non agie cor, nè mente.