Gianni Alfani – Guato una donna dov’io la scontrai

Guato una donna dov’ io la scontrai,
che cogli occhi mi tolse
lo cor, quando si volse
per salutarmi, e nol mi rendéo mai.
Io la pur miro là dov’ io la vidi,
e veggiovi con lei
il bel saluto che mi fece allore;
lo quale sbigottì sì gli occhi miei,
che li ‘ncerchiò di stridi
l’anima mia che li pingea di fòre,
perché sentiva in lui venir umìle
un spirito gentile
che le diceva: «Omai
guata costei! Se non, tu ti morrai».
Amor vi vien colà dov’ i’ la miro,
amantato di gioia
ne li raggi del lume ch’ella spande;
e contami che pur conven ch’i’ moia
per forza d’un sospiro,
che per coste’ i’ debbo far sì grande,
che l’anima smarrita s’andrà via.
Ah, bella donna mia,
sentira’ tu che guai!
Che te ne ‘ncresca quando li udirai!
Tu se’ stata oggimai sette anni pura,
danza mia nova e sola,
cercando ‘l mondo d’un che ti vestisse;
ed hai veduto quella, che m’imbola
la vita, star pur dura
e non pregare alcun che ti coprisse.
Però ti conven gire a lei pietosa
e dirle: «I’ son tua cosa,
madonna; tu che sai,
fa ch’i’ sia ben vestita di tuo’ vai.»
« Se tu mi vesti ben questa fanciulla,
donna, uscirò di culla.»
«E saprò s’i’ serrai
alcuna roba vaia, sì l’avrai.»

Lascia un commento