Giosuè Carducci – Il sonetto

Dante il mover gli diè del cherubino
E d’aere azzurro e d’òr lo circonfuse:
Petrarca il pianto del suo cor, divino
Rio che pe’ versi mormora, gl’infuse.

La mantuana ambrosia e ‘l venosino
Miel gl’impetrò da le tiburti muse
Torquato; e come strale adamantino
Contro i servi e i tiranni Alfier lo schiuse.

La nota Ugo gli diè de’ rusignoli
Sotto i ionii cipressi, e de l’acanto
Cinsel fiorito a’ suoi materni soli.

Sesto io no, ma postremo, estasi e pianto
E profumo, ira ed arte, a’ miei dì soli
Memore innovo ed a i sepolcri canto.