Giovanni Pascoli – Alba festiva

Che hanno le campane,
che squillano vicine,
che ronzano lontane?

E’ un inno senza fine,
or d’oro, ora d’argento,
nell’ombre mattutine.

Con un dondolio lento
implori, o voce d’oro,
nel cielo sonnolento.

Tra il cantico sonoro
il tuo tintinno squilla
voce argentina – Adoro,

adoro – Dilla, dilla,
la nota d’oro – L’onda
pende dal ciel, tranquilla.

Ma voce più profonda
sotto l’amor rimbomba,
par che al desìo risponda:

la voce della tomba.

Lascia un commento