Giovanni Pascoli – Il mendico

Presso il rudere un pezzente
cena tra le due fontane:
pane alterna egli col pane,
volti gli occhi all’occidente.

Fa un incanto nella mente:
carne è fatto, ecco, l’un pane.
Tra il gracchiare delle rane
sciala il mago sapïente.

Sorge e beve alle due fonti:
chiara beve acqua nell’una,
ma nell’altra un dolce vino.

Giace e guarda: sopra i monti
sparge il lume della luna;
getta l’arti al ciel turchino,
baldacchino

di mirabile lavoro,
ch’ei trapunta a stelle d’oro.