Giovanni Pascoli – La partenza del boscaiolo

La scure prendi su, Lombardo,

da Fiumalbo e Frassinoro!

Il vento ha già spiumato il cardo,

fruga la tua barba d’oro.

Lombardo, prendi su la scure,

da Civago e da Cerù:

è tempo di passar l’alture:

tient’a su! tient’a su! tient’a su!

Più fondo scavano le talpe

nelle prata in cui già brina.

E` tempo che tu passi l’Alpe,

ché la neve s’avvicina.

Le talpe scavano più fondo.

Vanno più alte le gru.

Fa come queste, e va pel mondo:

tient’a su! tient’a su! tient’a su!

Per le faggete e l’abetine,

dalle fratte e dal ruscello,

quel canto suona senza fine,

chiaro come un campanello.

Per l’abetine e le faggete

canta, ogni ora ogni dì più,

la cinciallegra, e ti ripete:

tient’a su! tient’a su! tient’a su!

Di bosco è come te, la cincia:

campa su la macchia anch’essa.

Sa che, col verno che comincia,

ti finisce la rimessa.

La cincia è come te, di bosco:

sa che pane non n’hai più.

Va dove n’ha rimesso il Tosco:

tient’a su! tient’a su! tient’a su!

Le gemme qua e là col becco

picchia: anch’essa è taglialegna.

Nel bosco è un picchierellar secco

della cincia che t’insegna.

Col becco qua e là le gemme

picchia al mo’ che picchi tu.

Va, taglialegna, alle maremme…

tient’a su! tient’a su! tient’a su!

Ha il nido qua e là nei buchi

d’ischie o d’olmi, ove gli garba;

e pensa forse a que’ tuoi duchi,

grandi, dalla lunga barba.

Nei buchi erbiti dove ha il nido,

pensa al gran tempo che fu;

e getta ancora il vecchio grido:

tient’a su! tient’a su! tient’a su!

Un’azza è quella con cui squadri

là, nel verno, il pino e il cerro;

con cui picchiavano i tuoi padri

sopra i grandi elmi di ferro.

Tu squadri i tronchi, ora; con l’azza

butti le foreste giù.

Va ora senza più corazza…

tient’a su! tient’a su! tient’a su!

Rimane nella valle il canto.

Sono ormai, le cincie, sole.

La scure dei lombardi intanto

lassù brilla contro al sole.

E sempre il canto che rimane,

giunge in alto alla tribù,

che parte a guadagnarsi il pane:

tient’a su! tient’a su! tient’a su!