Giovanni Pascoli – Notte di vento

Allora sentii che non c’era,
che non ci sarebbe mai più…
La tenebra vidi più nera,
più lugubre udii la bufera…
uuh…uuuh…uuuh…

Venia come un volo di spetri,
gridando ad ogni émpito più:
un fragile squillo di vetri
seguiva quelli ululi tetri…
uuh…uuuh…uuuh…

Oh! solo nell’ombra che porta
quei gridi… (chi passa laggiù?)
Ohl solo nell’ombra già morta
per sempre… (chi batte alla porta?)
uuh…uuuh…uuuh…