Giuseppe Gioachino Belli – Er ricordo – Er giorno che impiccorno Gammardella

Er giorno che impiccorno Gammardella
Io m’ero propio allora accresimato.
Me pare mó, ch’er zàntolo a mmercato
Me pagò un zartapicchio e ‘na sciammella.

Mi’ padre pijjò ppoi la carrettella,
Ma pprima vorze gode l’impiccato:
E mmie tieneva in arto inarberato
Discenno: “Va’ la forca cuant’è bbella!”.

Tutt’a un tempo ar pazziente mastro Titta
J’appoggiò un carcio in culo, e ttata a mmene
Un schiaffone a la guancia de mandritta.

“Pijja,” me disse, “e aricordete bbene
Che sta fine medema sce sta scritta
Pe mmill’antri che ssò mmejjo de tene.”

Terni, 29 settembre 1830