Guglielmo Beroardi, Gravosa dimoranza

Gravosa dimoranza
ch’eo faccio lungiamente,
mi fa sovente – lo core dolere,
ed aggione pesanza,
ca lo viso piagente
de l’avenente – non posso vedere.
Gioia par mi s’asconda,
temo non mi confonda – lo pensare,
und’a gli occhi m’abonda
le lagrime com’onda – de lo mare.
Piangendo gli occhi mei
mi bagnano lo viso,
perch’io diviso – son da l’amorosa;
lasso, tornar vorrei
ov’è il meo core assiso
e ‘n pena miso, – sì che mai non posa
s’eo non ritorno al loco,
là ove in sollazzo e ‘n gioco – dimorava;
ond’eo sono in tal foco,
che tutto incendo e coco, – sì mi grava.
S’amor mi ‘ncende e stringe
e facemi languire,
lo meo disire – conforta mia spera,
che ‘ntra lo cor mi pinge
la gioi che del martire
al meo reddire – la gioiosa ciera
mi darà diportando,
quella, cui m’acomando – notte e dia.
Così doglio alegrando,
traportomi aspettando – la gioi mia.
Gioia de la sovrana,
de li sprendor vernice,
ch’imperadrice – asembra, tant’è bella,
aspetto prossimana.
E sì com’omo dice
de la fenice – che si rinovella
in foco, eo così faccio,
chè ‘n fiamma e ‘n pena e ‘n ghiaccio – mi rinovo;
di gioi canto e poi taccio,
le vie d’Amor ch’eo saccio – tutte provo.
Le vie d’Amor son tante,
chè là onde vada o vegna
donami insegna – [pur] d’alegramento;
non son mai como amante,
perchè lo meo cor tegna
quella in cui regna – tutto piacimento.
Dunqua, sonetto fino,
cantando in tuo latino – va in Florenza;
a chi m’ave in dimino
di’ ch’eo tuttora ‘nchino – sua valenza.