Guido Cavalcanti, Novelle ti so dire, odi, Nerone

Novelle ti so dire, odi, Nerone:
che’ Bondelmonti trieman di paura,
e tutti Fiorentin’ no li assicura,
udendo dir che tu ha’ cuor di leone:
e’ più trieman di te che d’un dragone,
veggendo la tua faccia, ch’è sì dura
che no la riterria ponte né mura,
se non la tomba del re Pharaone.
Deh, con’ tu fai grandissimo peccato:
sì alto sangue voler discacciare,
che tutti vanno via sanza ritegno!
Ma ben è ver che ti largãr lo pegno
di che pot[e]rai l’anima salvare:
sì fosti paziente del mercato!