Guido delle Colonne, La mia gran pena e lo gravoso affanno

La mia gran pena e lo gravoso af[f]anno,
c’ò lungiamente per amor patuto,
madonna lo m’à ‘n gioia ritornato;
pensando l’avenente di mio danno,
in sua merze[de] m’ave riceputo
e lo sofrire mal m’à meritato:
ch’ella m’à dato – tanto bene avire,
che lo sofrire – molta malenanza
agi’ ubriato, e vivo in allegranza.
Allegro son ca tale segnoria
agio acquistata, per mal soferire,
in quella che d’amar non vao cessando.
Certo a gran torto lo mal blasmeria,
chè per un male agio visto avenire
poco di bene andare amegliorando,
ed atardando – per molto adastiare
un grand’af[f]are – tornare a neiente.
Chi vole amar, dev’ essere ubidente.
Ubidente son stato tut[t]avia,
ed ò servuto adesso co leanza
a la sovrana di conoscimento,
quella che lo meo core distringìa
ed ora in gioia d’amore mi ‘navanza.
Soferendo agio avuto compimento,
e per un cento – m’ave più di savore
lo ben c’Amore – mi face sentire
per lo gran mal che m’à fatto sofrire.
Se madona m’à fatto sof[e]rire
per gioia d’amore avere compimento,
pene e travaglia ben m’à meritato;
poi ch’a lei piace, a me ben de’ piacire,
che nd’agio avuto tanto valimento:
sovr’ogne amante m’ave più ‘norato,
c’agio aquistato – d’amar la più sovrana:
chè, se Morgana – fosse infra la gente,
inver madonna non par[r]ia neiente.
Neiente vale amor sanza penare:
chi vole amar, conviene mal patire,
onde mille mercè n’agia lo male
che m’a[ve] fatto in tanto ben montare,
ch’io non agio infra la gente ardire
di dir la gioia ove il mi’ core sale.
Or dunque vale – meglio poco avire,
che ben sentire – troppo a la stagione:
per troppo ben diventa omo fellone.