Guittone d’Arezzo, A renformare amore e fede e spera

A renformare amore e fede e spera
e ben conforto entra noi, bella gioia,
e per intralassar corrotto e noia,
e che ‘n trovar lo saver meo non pera,
me sforzeraggio a trovar novel sono.
Ma non è guaire ancora,
ch’eo fui in aventura
di perdere trovare e vita
per la mia folle partita,
ché ciascun giorno attendeva esser morto;
allor che mi fu porto
vostro dolze saluto,
che m’ha dolzor renduto
e retornato in tutto stato bono.
Nostro amor, ch’ebbe bon cominciamento,
mezzo e fine meglior, donna, ne chere;
ché bona incomincianza in dispiacere
torna, se è malvagio el fenimento;
e, lontan stando doe amiche persone,
e avendo isconforto
de ciò ch’è loro apporto,
ed agio e cagion de fallire
e d’altra parte gioire,
se par coraggio di perfetto amore;
ché vile e fellon core
tosto baratto face,
ma lo puro e verace
allora monta e affina en suo valore.
Fede e speranza aggiate, amore meo,
ché ‘n amar voi sempr’eo cresco e megliuro:
così v’ho ‘l core e ‘l senno e ‘l voler puro,
che ‘n obrianza ho meve stesso e Deo.
Voi mi Deo sete e mia vita e mia morte:
ché, s’eo so en terra o ‘n mare
in periglioso affare,
voi chiamo, com’altri fa Deo,
tantosto liber mi veo.
Mia vita sete ben, dolze amor, poi
sol mi pasco de voi;
e mia morte anco sete,
ché, s’amar me sdicete,
un giorno in vita star mi fora forte.
Adonque, dolze amor, viso m’è bene
che ben conforto de’ porger fra noi,
ciò, ch’eo posso onne ben sperar de voi,
e voi, secondo el parer meo, de mene:
ed anco ciò, che valoroso core
non si mostra a savere
sofrir gioia e piacere,
ma noia assai, quando aporta,
o’ vil cor perde e sconforta.
E perché ‘n aquistare affanno? Eo veglio
solo per poder meglio
vostro servigio fare
e valer sì, che stare
potesse sofficiente en vostro amore.
Noia e corrotto intralassar dovemo,
pensando quanto dolze e amorosa
serà nostra amistà, poi che ‘n gioiosa
parte dolze d’amor rassembreremo;
ch’usando l’om pur de portar piacere,
non conosce che vale;
ma, sostenendo male,
a bene tornando, dolzore
piò che non sa gli ha savore:
e d’altra parte, amor, voi non savate
para di mia amistate;
ed eo, che ciò pensava,
de voi gioir dottava:
che non serà, sì spero anco valere.
En le parti d’Arezzo, o nel distretto,
che voi, dolze amor, siate,
mando che vi deggiate
per ciò ch’ho detto allegrare,
e perché sete for pare
fra le forzose al mondo donne Artine;
ché, sì com’è più fine
or d’ogn’altro metallo,
son elle, amor, for fallo
più fine ch’altre a ciascun bene aletto.