Guittone d’Arezzo, Ahi, bona donna, che è devenuto

Ahi, bona donna, che è devenuto
lo compiuto – savere
e l’altera potenza
de vostra conoscenza, – ch’or non pare?
Orgoglio e villania l’ave conquisa
e misa – a non valere;
ch’è, lasso, gran pietanza,
che me fa in doloranza – adimorare:
ca lo meo bono amore
e ‘l celato servire
fa voi fallo parire,
e meve, lasso, falso entenditore.
Amore meo, se Deo m’alongi noia,
e gioia – en voi me dia,
a la stagion ch’eo foi
talentoso de voi, – lo tempo mio
sì picciol era, – no m’è viso fiore,
amore, – che de voi pria
nulla cosa vedesse
ni poi, che meve stesse – in tal desio
de servire e d’amare;
ché donna, ch’ha bellezze
più de voi ed altezze,
mi darea di sé gioi senza penare.
Ma non po l’omo aver gioia né gioco
de loco – altro, che quello
ch’al core piace ed abella;
ché non cura sol quella – ov’ha bellezza,
senza gran piacimento ed amoroso.
Ché gioioso – e novello
gaio ed adorno bene
lo viso esser convene, – unde vaghezza
de fino amore cria.
Tutto ciò in voi sogiorna:
senno e proezza adorna
v’è for paraggio, e zo m’ha ‘n segnoria.
Per mante guise è l’amistanza fina,
fina – donna, fra noi,
che trambi sen d’un tempo:
faite ch’abbiam per tempo – uno coraggio.
Ché la ‘mprimera mia speranza sete
e serete – la poi:
che voi m’amiate o noe,
mai altro me non poe – dar allegraggio.
Amar chi v’ama tanto,
amor, già non fallate,
ma se voi non lo amate:
ché Deo chi l’ama merta in cento tanto.
Ora considerate, amor, per Deo,
se de lo meo – servire
deggi’esser meritato:
ca, s’eo non sono usato – là ‘ve sete,
per poco amor no è, ma per temore
ch’a l’onore – e al piacere
de voi non fosse reo.
Male de ben, per Deo, – non mi rendete,
né stea per vil temenza
che non mi diate aiuto,
ch’ardimento compiuto
sta bene a donna de vostra valenza.
Ubertin, dolze amico,
or agio eo ben provato
ch’amar troppo celato
ten l’om de gioi d’amor sempre mendico.