Guittone d’Arezzo, Ahi Deo, che dolorosa

Ahi Deo, che dolorosa
ragione aggio de dire,
che per poco partire
non fa meo cor, solo membrando d’ella!
Tant’è fort’ e angosciosa,
che certo a gran pena
aggio tanto de lena,
che di bocca for traga la favella;
e tuttavia tant’ angosciosamente,
che non mi posso già tanto penare,
ch’un solo motto trare
ne possa inter, parlando in esta via;
ma’ che pur dir vorria,
s’unque potesse, el nome e l’efetto
del mal, che sì distretto
m’av’a sé, che posar non posso nente.
Nome ave Amore:
ahi Deo, ch’è falso nomo,
per ingegnare l’omo
che l’efetto di lui cred’ amoroso!
Venenoso dolore
pien di tutto spiacere,
forsennato volere,
morte al corpo ed a l’alma lo coso,
ch’è ‘l suo diritto nome in veritate.
Ma lo nome d’amor pot’om salvare,
segondo che mi pare:
“amore” quanto “a morte” vale a dire,
e ben face amortire
onor e prode e gioia, ove si tene.
Ahi, com’è morto bene
qual ha, sì come me, in podestate!
Principio de l’efetto
suo, che saver mi tolle
e me fa tutto folle,
smarruto e tracoitato malamente,
per ch’a palese è detto
ca eo son forsennato:
sì son disonorato
e tenuto noioso e dispiacente.
E me e ‘l meo in disamore ho, lasso,
e amo solo lei che m’odia a morte;
dolor più ch’altro forte
e tormento crudele e angoscioso,
e spiacer sì noioso
che par mi strugga l’alma, il corpo e ‘l core,
sento sì, che ‘l tinore
propio non porea dir: perciò me’n lasso.
Amore, perché tanto
se’ ver’ mene crudele,
già son te sì fedele
che non faccio altro mai che ‘l tuo piacere?
Ché con pietoso pianto
e con umil mercede
ti so’ stato a lo piede
ben fa quint’anno a mercé chedere,
adimostrando sempre il dolor meo,
ch’e sì crudele, e la mercé sì umana:
fera no e sì strana
che non fosse divenuta pietosa;
e tu pur d’orgogliosa
mainera se’ ver’ me sempre restato,
und’eo son disperato
e dico mal, poi ben valer non veo.
Orgoglio e villania
varrea più forse in tene
che pietanza o mercene,
per che voglio oramai di ciò far saggio:
ché veggio spesse via
per orgoglio atutare
ciò che mercé chiamare
non averea di far mai signoraggio.
Però crudel villano enemico
seraggio, Amor, sempre ver’ te, se vale;
e, se non piggior male
ch’eo sostegno or non posso sostenere,
faraime adispiacere,
mentre ch’eo vivo, quanto più porai:
ch’eo non serò giamai
in alcun modo tuo leale amico.
O no Amor, ma morte,
quali e quanti dei pro’
d’onore e di pro
hai già partiti e parti a malo engegno!
Ché gioi’ prometti forte,
donando adesso noia;
e se talor dài gioia,
oh, quanto via piggior che noi’ la tegno!
como che venta pei’ che perta a gioco
è, segondo ciò pare.
Per ch’io biasmare te deggio e laudare:
biasmar di ciò, che miso al gioco m’hai
ov’ho perduto assai;
e laudar che non mai vincer m’hai dato;
perch’ averia locato
lo core in te giocando, e or lo sloco.
Amor, non me blasmar s’io t’ho blasmato,
ma la tua fellonesca operazione:
ché non ha già ladrone
de che biasmi signor c’ha lui dannato,
ma da sentirli grato
se merta morte e per un membro e varco;
com’io te de l[o] marco
de lo mal tuo non ho grano un pesato.