Guittone d’Arezzo, Altra gioi non m’è gente

Altra gioi non m’è gente
ned altr’amo de core,
che ‘l pregio e lo valore
de l’amorosa gente.
Così coralemente
m’ha di lei preso amore,
che non porea far fiore
ver me cosa spiacente;
per che m’è più piacente
lo mal, se mal me face,
che lo ben non me piace
de gente, ch’è nodrita
en desorrata vita
e vive al dispiacer d’onne valente.
Sor tutto amor, m’è gente
de gioioso savore
quello del meo segnore;
ed è ciò giustamente,
però ch’è veramente
d’alta bieltate fiore:
per ch’eo n’ho tal dolzore,
ca men obrio sovente,
quando li tegno mente,
ch’elli ha tutto verace,
quanto a baron conface:
tanto è dobla fornita
l’opera sua, compita
de tutto ciò che vol pregio valente.
Perch’eo son lui sì gente,
che me po ben tuttore
far parer l’amarore
d’assai dolze parvente;
ma lo dolze neente
po far di tal sentore,
ch’eo bon conoscidore
non sia d’el certamente.
Tant’è dolce e piacente,
ched en core ed en face
sta sì che non se sface
già mai, ni fa partita,
la gioi, ch’aggio sentita
de lui; sì fall’a me dolze e valente.
Conte da santa Fiore,
de voi parlo, segnore,
ché vo son maggiormente
ch’eo non dico, servente;
e servir pur me piace,
se già merto non face;
ma credo la mia vita
serà anco grazita
per voi, Aldobrandin, conte valente.