Guittone d’Arezzo, Amor, merzede, intende s’eo ragione

Amor, merzede, intende s’eo ragione
chero davante la tua segnoria,
che for m’hai miso di mia possessione,
e messo in quella de la donna mia,
e sempre mi combatti onne stagione.
Perché lo fai, poi sono a tua balia?
Ché non fer quella, che contra te pone
suo senno e suo talento e te guerria?
Mostri che tu non se’ comun segnore,
se lei riguardi e me vuoi far morire,
o vero che non hai tanto valore.
Ben credo l’averesti in tuo servire;
ma, se non poi di me, tuo servidore,
or non te piaccia ch’io deggia perire.