Guittone d’Arezzo, Amor m’ha priso ed incarnato tutto

Amor m’ha priso ed incarnato tutto,
ed a lo core di sé posanza
e di ciascuno membro trae frutto,
da poi che priso ha tanto di possanza.
Doglia onta e danno hame condutto,
e del mal meo mi fa aver disianza,
e del ben di lei spietat’ème ‘n tutto,
sì meve e ciascun’alma ha ‘n disdegnanza.
Spessamente lo chiamo e dico: Amore,
chi t’ha dato di me tal segnoraggio,
ch’hai conquiso meo senno e meo valore?
Eo prego che ti facie meo messaggio
e che vade davante al tuo segnore
e d’esto convenente il facie saggio.