Guittone d’Arezzo, Amor, non ho podere

Amor, non ho podere
di più tacere ormai
la gran noi che mi fai;
tanto mi fa’ dolere,
che me pur sforza voglia,
amor, ch’eo de te doglia.
Però, per cortesia,
sosten la mia follia;
poi de doler cagione
mi dà, s’io n’ho ragione.
Amor, or mira s’hone
ragion che doler dia,
ch’a la tua segnoria
caper quasi om non pone,
e manti contra voglia
ne fai amar con doglia;
e non possol capere,
che, con merzé cherere,
me’ li prometti assai:
tanto a gran schifo m’hai?
Amor, certo tort’hai;
e par poco savere
voler tu retenere
tal, che te spregia assai
e che ver te s’orgoglia;
e me, che de gran voglia
tu’ servidor mi fone,
pur sdegni; und’e’ morrone
d’esta noi, sì guerria
lo core e l’alma mia.
Amor, più ch’altr’om dia
te piacer, per ragione
che sì ‘n piacere sone
de la madonna mia,
che pregar che m’acoglia
né che ‘l servir meo toglia
non m’è mestier, ciò sai;
ma non me parrà mai
forte de lei gaudere,
né d’alcun suo piacere.
Amor, poi sostenere
de lo mai me non fai,
no è ragion, ben sai,
ch’eo del ben deggia avere;
ché, se ‘l mal me no sfoglia,
non mi rende ‘l ben foglia:
ciò, s’eo non servol pria,
non saver m’averria;
e fo fallo, se cione
prendo, u’ degno non sone.
Amor, verso e canzone
e ciascuna ragione
che de solazzo sia,
lass’eo tutta via,
mentre ch’esta rea doglia
non torna in bona voglia.