Guittone d’Arezzo, Chero con dirittura

Chero con dirittura
ad amore pietanza,
che parta mia natura
da sì villana amanza,
com’eo da voi, donna, aggio;
ch’amor né bono usaggio – in voi non trovo.
Meo penare e languire
merzé, né ben servire – non val ch’eo provo.
Provo vo con ver saggio
maggiormente isdegnosa
ver l’amoroso usaggio,
che non fo l’Orgogliosa:
ché solo chi ve mira
già mai de la vostr’ira – non se parte;
e, se n’aveste albire,
farestelo venire – in mala parte.
Parte in voi non tene
cortesia né savere;
sì sete altera bene,
non date lor podere,
se non vedete como
se po tenere l’omo – de non sguardare
là ‘ve natura agenza
tutta dolze piacenza – for mancare.
Mancare non poria,
se lo pensaste bene,
de voi gran cortesia;
sì cessaria di pene
eo che son vostro amante;
ed alcun om dottante – non saria
de voi sguardar, ché vago,
ché solo per ciò pago – viveria.
Viveria in maggio gioia
che null’om, donna altera,
solo che senza noia
la vostra dolce cera,
sempre ch’eo la sguardasse,
enver me s’allegrasse, – e pago fora;
ma sia ‘n vostro piacere
ch’eo torni in meo podere – senza dimora.