Guittone d’Arezzo, Deo, com’è bel poder quel di merzede

Deo, com’è bel poder quel di merzede,
e como più d’ogni altro è grazioso!
Ché mercé vince orgoglio e lo decede,
e merzé fa crudel core pietoso.
Ragione e forzo veggio che decrede,
ch’om non po lei contradir né star oso:
per vertù fa più talor, ciò si vede,
che tutto ‘l mondo per forzo orgoglioso.
Ed eo lo provo per la donna mia,
ch’è fatta ben più d’ogne altra pietosa
de più crudel che mai fosse, ni sia:
feciela, Dio merzé, sì graziosa
in difesa de picciola balia
ed in guerenza de crudele cosa.