Guittone d’Arezzo, Graziosa e pia

Graziosa e pia,
virgo dolce Maria,
per mercé ne ‘nvia – a salvamento!
Enviane a bon porto,
vero nostro conforto,
per le cui man n’è porto – tutto bene;
in la cui pietanza
tutt’è nostra speranza,
che ne doni allegranza – e tolla pene;
ché, for tuo dolce aiuto,
catun fora perduto,
sì come credo, tant’è fallimento.
Adonque, dolce amore,
gioia d’alm’e di core,
dì perfetto savore – ed etternale,
come noi po più cosa
di core stare amorosa,
che servir te, pietosa, – poi si vale?
Ché ben po star sicuro,
chi ben t’am’a cor puro,
d’esser pago in tutto el suo talento.
Ahi , perché sì non piace
acquistar te verace,
come l’aver fallace – d’esto mondo?
Già qual fusse signore
d’ogni terren riccore,
no gl’impierebbe core, – tant’è perfondo.
Ma solo è Dio possente
in pagar tutta gente
di tutto sommo eternal pagamento.
O cor dur e fellone,
mira com’hai ragione
d’onni part’e cagione – in Cristo amare,
ch’ell’è tuo creatore
e del ben ch’hai datore,
e che mortal dolore – volle portare,
per adurce de noia
a la celestial gioia;
e ragion n’hai, ché d’un ben te dà cento.
Ma sì t’ha gran savore,
lass’om, terren dolciore,
che del tuo criatore – non ti sovene.
Ma certo poi la morte
troppo ‘l comperrai forte,
ché d’ogni dolor sorte – e onni pene
verran sovra te, lasso,
e serai vano e casso
del gran dolcior, ch’al bono ha Dio convento.
Ahi, per Dio, bona gente,
non più sì malamente
seguiamo ad iscente – nostro danno!
Mettiamo in Dio servire
tutto coral desire,
ché veggio ad om soffrire – gran tempo affanno,
sol per gaudere un’ora.
Ahi, perché non labora
per istar mai sempre a sì gran gaudimento?
Viva e surgente vena,
la qual ben tutto mena,
preziosa reina – celestiale,
per tua santa mercede
sovra de noi provede,
ché forte ciascun sede, – forte male!
Ma tu, che poderosa,
cortese e pietosa
se’ tanto, mette in noi consulamento!