Guittone d’Arezzo, La gioia mia, che de tutt’altre è sovra

La gioia mia, che de tutt’altre è sovra,
en sua lauda vol ch’eo trovi, no ‘n sovro
de suo piacer; ma fallo ad essa, s’ovro
la canzon mia, sì ch’a ciascuno s’ovra.
Già di ragion però non credo s’ovri,
per che l’engegno m’è ‘n piacere s’ovri
en sottil motti e ‘n dolzi e alti, sovre
de ciò che chereme sua corte s’ovre.
En gran valor valer tant’alto sovra,
saggi’om non no di lei laudar star sovro
suo gran bellor piagente; e nente sovro-
orrat’è, ma più fin che non par sovra.
Altra no è sì ben cominci e sovri;
en tutto ciò dove donna altra s’ovri;
perché, for contenzon, d’onne ben sovre
tutt’altre, piò che duca in corte, sovr’è,
Ah, ben d’amor, deo merzé, con bel sovra,
poi lo cor suo d’amar far non vol sovro!
Per me fe, troppo ho gran deritto, s’ovro
lo suo gran valor fin, d’ogn’altro sovra.
Ché di ciò che per lei m’è ‘n piacer s’ovri,
de far in del voler non credo sovri
del contrar tutte sue voglie son sovre,
perch’eo son suo de quel che ‘n dir son sovre.
Sempre d’amor l’alma mia stat’è sovra;
or m’ha per suo tuttor, s’eo poso e s’ovro,
e non viveria mai standoli sovro,
sì m’ha lo cor adusato a la sovra-
ricca sua gioia, en cui piacer vòi s’ovri
lo core e ‘l corpo meo, sì mai non sovri:
ché de bass’om m’ave fatt’alto, sovre
tutt’altri, e ben d’amore ‘n corte sovr’è.
Ciò che per me se dice ognora e s’ovra
de ben, l’onor è suo, però che s’ovro
la bocca e i motti miei deporto, è sovro
de saver suo, ché fior di me non sovra
ni ciò ni cosa ch’opo è che me sovri;
solo temo che di lei non mi sovri
morte, per troppo dolzor che m’è sovre
le membra tutte e non da lui stan sovre.