Guittone d’Arezzo, Mante stagione veggio

Mante stagione veggio
che l’omo è, senza colpa,
miso a dispregio grande;
e tal, che colpa pande,
ne va sì, ch’om non colpa.
En ciascun caso eo seggio;
ch’omo gran pregio damme,
dicendome che tegno
ciò ch’eo non ho né ‘nvegno
in parte; anco non pensa
che ‘n parte u’ el dispensa,
lì i’ vo, e bon samme.
Ma certo eo lo me tollo
ad aventura troppo,
per che gran ben mel credo;
ch’el non verrà ver fredo
senza tener fior stroppo,
de veritate sollo.
E l’om tenuto falso,
poi approvato è giusto,
si n’ha bon pregio tosto;
ché qual de lui poi dice
cosa che li mesdice,
dicei l’om: non se’ salso.
Poi ch’omo lo so penso
trova de van giudicio,
sì non crede se stesso,
se ben vederà spesso
ciò ch’ha ‘n credere officio:
sì me so’ ben despenso!
E ciascun ch’amar vole,
tegna altrui in tal gabbo,
com’eo faccio e fatt’abbo:
che la ‘ve amo ho ‘n vista
ch’eo mai facciali vista,
ni cosa ch’om far sole.
Ma ‘n altra parte fo
d’amor sembranza e modo,
ove non sento pro;
e se ciascuno tro
ch’altr’a stagion mi modo,
non so ch’eo faccia o fo;
or mi piace ch’om creda
ch’eo pur ad arte parli:
ch’eo non dico per farli
lasciar né tener fermo
ciò che pensa; ché sermo
non mende tolle ‘n preda.
Bono certo mi sape
che ciascun noccia me
quanto pote, ver ciò:
ché, per mia fe, pro’ ci ho,
perché coverto ho me:
unde, se grazia cape
far ver de tal servigio,
volonter loro folla!
Or pur non prendan molla
de far lor vita croia
e de parlar de noia
e d’acquistar desprigio.
Prenda la mia parola
ciascun sì como vole;
ché, di ciò ch’esser sole,
eo per lor non mi stanco,
che non mi posson manco
far d’una cosa sola.