Guittone d’Arezzo, Meraviglioso beato

Meraviglioso beato
e coronato – d’onore!
Onor sé onor’ acresce
a guisa de pesce – in gran mare,
e vizio s’asconde e perisce
e vertù notrisce – a ben fare,
sì come certo appare,
per te, Domenico santo,
unde aggio canto – in amore.
O nome ben seguitato
e onorato – dal fatto,
Domenico degno nomato,
a Domino dato – for patto,
chi tanto fu per Dio tratto
già fa mill’anni in vertute,
d’onni salute – coltore?
Agricola a nostro Signore
non terra ma cor’ – coltando,
fede, speranz’ e amore
con vivo valor – sementando:
oh quanti beni pugnando
fai [di] diserti giardini
con pomi di fin – savore!
Tu mastro reggendo e ‘nsegnando,
medico sanando – oni ‘nfermo,
rustica caduti levando,
pilastro fermando – el non fermo,
nel secul e in chiostro e in ermo,
per costumi, vita e dottrina,
la qual pur s’afina – in valore;
a la Chiesa tu defensione
e forte campïone – eretto,
tu, de’ fedel’ guarigione
e restorazione – e refetto,
a ciascun mendo e defetto
t’ha per socorso noi dato
lo nostro orrato – Signore.
Erore e stoltezza abondava
e catuno stava – ne muto;
fede e vertù amortava,
und’era ‘l secul perduto,
no’nd’avesse Dio proveduto
di te, per cui ben reformato
e amendat[o] – e follore.
O vero Domenico, poi
volesti da noi – allungiare,
lassastine, padre, e a coi?
ai figliuoi tuoi, – minestrare,
di cui onni ben form’appare
e vero specchio u’ s’agenza
ciascun c’ha piagenza – in amore.
Lux mundi e sal terre son certo,
segondo in aperto – fa prova
el sovrabondoso lor merto,
unde ciascun merto – par mova.
Chi mia sentenza riprova
o vole di ciò faccia fede,
ch’aperto si vede – tuttore?
Forse ch’io perdo tacere,
poi non so compiere – aonore:
ché vertù di tanto savere
sommo chere – laudatore.
Und’eo serò tacitore;
ma tuttavia ciò ch’è ditto
ascondo ni gitto – non fiore.