Guittone d’Arezzo, O tu, de nome Amor, guerra de fatto

O tu, de nome Amor, guerra de fatto,
segondo i toi cortesi eo villaneggio,
ma segondo ragion cortesia veggio
s’eo blasmo te, o chi tec’ ha contratto.
Per che seguo ragion, non lecciaria,
und’ho già mante via
portato in loco di gran ver menzogna
ed in loco d’onor propia vergogna,
in loco di saver rabbi’ e follia;
or torno de resia
in dritta ed in verace oppinïone:
e, se mostranza di viva ragione
valer potesse ai guerrer ditti amanti,
credo varraggio lor, ché ‘n modi manti
demosterrò la lor condizion rea.
Peggio che guerra, Amor, omo te lauda,
tal perché fort’ hailo ‘ngegnato tanto
ch’ello te crede dio potente e santo,
e tal però ch’altrui ingegna e frauda.
Lo vil pro’, parladore lo nisciente
e lo scarso mettente
e leial lo truiante e ‘l folle saggio
dicon che fai, e palese ‘l selvaggio;
ma chi ben sente, el contrar vede aperto.
E, se fuss’esso certo,
onta gli è, perché foll’è la cagione,
perché non misur’ha ei né ragione;
e s’ei fusse ch’al ben far non soggiorna,
ma parte Amor, partendo onta li torna,
ché, fallendo ben far, pregio è diserto.
Dicon anche di te, guerra, nescienti
che ben li è troppo, e s’è mal, sì n’è bono:
ciò che non per ragion defender pòno,
ma fai lor sì parer, tant’haili venti.
Ché ‘l principio n’è reo: ch’attende e brama
ciò che maggiormente ama;
mangiar, dormir, posar non può, pensando
pur di veder lei che lo stringe amando;
e ‘l mezzo è reo, ch’adessa el fa geloso;
afamat’ e bramoso
sta manti giorni, e poi pascesi un’ora
u pogo u troppo in angostia e in paura;
e se bon fusse el primo, el mezzo e tutto,
la fine è pur rea: per che, destrutto
principio e mezzo, reo te solo coso.
Peggio che guerra, via reo se’ più ch’omo:
ché l’omo perde in te discrezïone
e la razionale operazione,
per che non poi tra gli animali è omo;
ch’el mesconosce Dio, e crede e chiama
sol dio la donna ch’ama;
con magna gioia el suo strugge, e li pare
ricco conquisto e onorato fare,
consummar sé, che men pote e men vive;
e gire ove receve
morte, talor sembra·i tornar più verde.
Adonque Dio, onor, pro e sé perde;
e, poi perduto ha ciò, perd’ ogni amico:
procaccia che? ch’un denaio falso, dico,
chi l’avesse, faria’l forte più dive.
O ver destruggitor, guerra mortale,
nato di quello unde mal tutto vene,
como s’apprende il tuo laccio, e si tene!
Che grave forzo e saver contra i vale?
Ché Sanson decedesti e Salamone;
ma lor non defensione,
ahi, che grand’onor porge a chi defende!
Donque miri om che reo mal di te scende,
e pensi ben lo valor de la cosa
che gli è tanto amorosa:
ché schifo e conoscente omo dovria
volere desmembrato essere pria;
ch’è perè tanto mal per te bailito,
che peggio val che morto om vivo aunito,
e morto onrato mei’ ch’en vita posa.
Peggio che guerra, Amor, non t’ho blasmato
perché m’ai’ affannato
più ch’altro, o meno messo in tuo van bene:
ch’oltra merto e ragion, quasi for pene,
me desti più ch’a omo altro vivente.
Ma ragion non consente
ch’om laudi el reo perché ben lui n’avegna:
e, quand’ eo penso ben, saver m’asegna
che ciò che l’om di te pregia, ben maggio
è, segondo ragione, ont’e dannaggio,
per che te blasmo e pregio ormai neiente.
Canzone mia, tutto che poco vaglia,
demonstrar te travaglia
lo periglioso mal del detto Amore,
e di’ che scusa alcun’ha de follore
omo de folleggiare appoderato;
ma quelli è senza scusa assai colpato
che no li tocca guerra e cher battaglia.