Guittone d’Arezzo, Ora parrà s’eo saverò cantare

Ora parrà s’eo saverò cantare
e s’eo varrò quanto valer già soglio,
poi che del tutto Amor fug[g]h’ e disvoglio,
e più che cosa mai forte mi spare:
ch’a om tenuto saggio audo contare
che trovare – non sa né valer punto
omo d’Amor non punto;
ma’ che digiunto – da vertà mi pare,
se lo pensare – a lo parlare – sembra,
ché ‘n tutte parte ove distringe Amore
regge follore – in loco di savere:
donque como valere
pò, né piacer – di guisa alcuna fiore,
poi dal Fattor – d’ogni valor disembra
e al contrar d’ogni mainer’ asembra?
Ma chi cantare vole e valer bene,
in suo legno a nochier Diritto pone
e orrato Saver mette al timone,
Dio fa sua stella, e ‘n ver Lausor sua spene:
ché grande onor né gran bene no è stato
acquistato – carnal voglia seguendo,
ma promente valendo
e astenendo – a vizi’ e a peccato;
unde ‘l sennato – apparecchiato – ognora
de core tutto e di poder dea stare
d’avanzare – lo suo stato ad onore
no schifando labore:
ché già riccor – non dona altrui posare,
ma ‘l fa ‘lungiare, – e ben pugnare – onora;
ma tuttavia lo ‘ntenda altri a misora.
Voglia in altrui ciascun ciò che ‘n sé chere,
non creda pro d’altrui dannaggio trare,
ché pro non può ciò ch’onor tolle dare,
né dà onor cosa u’ grazia e amor père;
e grave ciò ch’è preso a disinore
a lausore – dispeso esser poria.
Ma non viver credria
senza falsia – fell’ om, ma via maggiore
for’a plusor – giusto di cor – provato:
ché più onta che mort’ è da dottare,
e portar – disragion più che dannaggio;
ché bella morte om saggio
dea di coraggio – più che vita amare,
ché non per star, – ma pèr passare, – onrato
dea credere ciascun d’esser creato.
In vita more, e sempre in morte vive,
omo fellon ch’è di ragion nemico;
credendo venir ricco, ven mendico,
ché non già cupid’ om pot’ esser dive:
ch’adessa forte più cresce vaghezza
e gravezza – u’ più cresce tesoro.
Non manti acquistan l’oro,
ma l’oro loro; – e i più di gentilezza
e di richezza – e di bellezza – han danno.
Ma chi richezza dispregi’ e manente,
e chi gente – dannaggio e pro sostene
e dubitanza e spene
e si conten – de poco orrevelmente
e saggiamente – in sé consente – affanno,
segondo vol ragione e’ tempi dànno.
Onne cosa fu solo all’om creata,
e l’om no a dormir né a mangiare,
ma solamente a drittura operare,
e fu descrezïon lui però data.
Natura, Dio, ragion scritta e comune,
reprensïon – fuggir, pregio portare
ne comanda; ischifare
vizii, e usar – via de vertù n’empone,
onne cagione – e condizion – remossa.
Ma se legge né Dio no l’emponesse,
né rendesse – qui merto in nulla guisa
né poi l’alm’ è divisa,
m’e pur avisa – che ciascun dovesse
quanto potesse – far che stesse – in possa
onni cosa che per ragion è mossa.
Ahi, come vale me poco mostranza!
ché ‘gnoranza – non da ben far ne tolle,
quanto talento folle;
e mai ne ‘nvolle – a ciò malvagia usanza,
ché più fallanza – è che leanza – astata.
No è ‘l mal più che ‘l bene a far leggero;
ma’ che fero – lo ben tanto ne pare
solo per disusare
e per portar – nel contrar disidero:
u’ ben mainero – e volontero – agrata,
usarl’ aduce in allegrezza onrata.