Guittone d’Arezzo, Se de voi, donna gente

Se de voi, donna gente,
m’ha preso amor, no è già meraviglia,
ma miracol somiglia
come a ciascun no ha l’anima presa;
ché de cosa piacente
savemo de vertà ch’è nato amore.
Or da voi, che del fiore
del piacer d’esto mondo sete appresa,
com po l’om far defesa?
Ché la natura entesa
fo di formare voi, co ‘l bon pintore
Policreto fo de la sua pentura;
che non po cor pensare,
né lingua devisare,
che cosa in voi potesse esser piò bella.
Ahi, Deo, co sì novella
pote a esto mondo dimorar figura,
ch’è de sovra natura?
Ché ciò che l’om de voi conosce e vede,
semiglia, per mia fede,
mirabel cosa a bon conoscidore.
Quale donque esser deo,
poi tale donna intende il meo preghero,
e merta volontero
a cento dobli sempre el meo servire?
Cert’ho miracol, ch’eo
non morto son de gioia e de dolzore;
ché, como per dolore,
po l’om per gioia morte sofferire.
Ma che? Lo meo guerire
è stato con schermire,
ver zo mettendo tutta mia possanza;
ché quando troppo la sento abondare,
mantenente m’acorgo
e con dolor socorgo,
quale me credo che maggiore sia.
Ché de troppa grassia
guerisce om per se stesso consumare,
e cose molto amare
gueriscon zo che dolze aucidereno:
de troppo bene è freno
male, e de male troppo è benenanza.
Tantosto, donna mia,
com eo vo vidi, foi d’amor sorpriso,
né già mai lo meo viso
altra cosa che voi non devisoe.
E sì m’è bon ch’eo sia
fedele voi, che ‘n me non trovo cosa
ver ciò contrariosa,
che l’alma e lo saver deletta cioe.
Per che tutto me doe
voi, cui più che meo soe.
Meo non son già, ch’a far vostro piacere;
ché volonter isfareime in persona,
per far cosa di mene,
che piò stesse vo bene:
ché già non m’osa unqu’altro esser a voglia,
ch’ubedir vostra voglia;
e s’eo de voi disio cosa alcona,
sento che savi bona
e che valor v’accresce in allegranza.
De tale disianza
non piaccia a Deo ch’io mai possa movere.
Per tutto ciò non servo,
né porea mai servir, l’onor né ‘l bene,
che per voi fatto m’ène;
ché troppo è segno d’amoroso amore
far lo signor del servo
su’ par; ed è ben cosa che non mai
pot’om mertare assai.
Donque como de merto avrò onore?
Ché sì como l’Autore
pon, ch’amistà di core
è voler de concordia e desvolere,
faite voi me, ché zo volete ch’eo.
Ma bon conforto m’ène
che, con più alto tene
segnor suo servo, più li po valere;
ché non po l’om capere
sol per servire en la magion de Deo,
sì como sento e veo;
ma bona fede e gran voglia en piò fare
l’aiuta e ‘l fa poggiare,
ché voglia e fe tal Di’ ha fatto valere.
Eo non posso apagare
a dir, donna, de voi l’animo meo;
ché, se m’aiuti Deo,
quanto più dico, più talento dire;
e non po dimostrare
la lingua mea com’è vostro lo core:
per poco non ven fore
a direve lo so coral desire.
Ed a ciò che ‘n servire
potesse devenire
en quale loco piò fosse maggiore,
vorrea che l’amistà nostra de fatto
ormai, donna, s’usasse;
ché, se per me s’osasse
dir, troppo tarda enver ciò dimorate.
Ché de fare amistate
certo lo tardare pareme matto;
e comperato accatto
non sa sì bon, como quel ch’è ‘n don priso;
e sì como m’è viso,
endugio a grande ben tolle savore.
Currado da Sterleto, mea canzone
vo mando e vo presento,
ché vostro pregio vento
m’ha voi fedele e om de ciò ch’eo vaglio;
e se non mi travaglio
de vostro regio dir, quest’è cagione,
che bene en sua ragione
non crederea già mai poter finare:
non dea l’om comenzare
la cosa, onde no è bon fenidore.