Guittone d’Arezzo, Tutto ‘l dolor, ch’eo mai portai, fu gioia

Tutto ‘l dolor, ch’eo mai portai, fu gioia,
e la gioia neente apo ‘l dolore
del meo cor, lasso, a cui morte socorga,
ch’altro non vegio ormai sia validore.
Ché, prima del piacer, poco po noia,
ma poi, po forte troppo om dar tristore:
maggio conven che povertà si porga
a lo ritornador, ch’a l’entradore.
Adonqua eo, lasso, in povertà tornato
del più ricco acquistato
che mai facesse alcun del meo paraggio,
sofferrà Deo ch’eo pur viva ad oltraggio
di tutta gente e del meo for sennato?
NOn credo già, se non vol meo dannaggio.
Ahi, lasso, co mal vidi, amaro amore,
la sovra natoral vostra bellezza
e l’onorato piacenter piacere
e tutto ben ch’è ‘n voi somma grandezza!
E vidi peggio il dibonaire core
ch’umiliò la vostra altera altezza
a far noi due d’un core e d’un volere,
perch’eo più ch’omo mai portai ricchezza.
Ch’a lo riccor d’amor null’altro è pare,
né raina po fare
ricco re, como né quanto omo basso,
né vostra par raina amor è passo.
Donqua chi ‘l meo dolor po pareggiare?
Ché qual più perde acquista in ver me, lasso.
Ahi, con pot’om, che non ha vita fiore,
durar contra di mal tutto for grato,
sì com eo, lasso, ostal d’ogne tormento?
Ché se ‘n lo più fort’om fosse amassato
sì forte e sì coralmente dolzore,
com’è dolore in me, già trapassato
fora de vita, contra ogne argumento.
Come, lasso, viv’eo de vita fore?
Ahi morte, villania fai e peccato,
che si m’hai desdegnato,
perché vedi morir opo mi fora
e perch’io piò sovente e forte mora!
Ma mal tuo grato eo pur morrò forzato,
de le mie man, se mei non posso ancora.
Mal ho più ch’altro, e men, lasso, conforto:
ché s’eo perdesse onor tutto ed avere
e tutti amici e de le membra parte,
sì mi conforteria per vita avere;
ma qui non posso, poi ho di me torto
e ritornato in voi forzo e savere,
che non fue, amor meo, già d’altra parte,
Donqua di confortar com’ho podere?
E poi saver non m’aiuta, e dolore
me pur istringe il core,
pur conven ch’eo matteggi; e sì facci’eo;
perch’om mi mostra a dito e del mal meo
se gabba; ed eo pur vivo a disinore,
credo, a mal grado del mondo e di Deo.
Ahi, bella gioia, noia e dolor meo,
e punto fortunal, lasso, fue quello
de vostro dipartir, crudel mia morte,
che doblo mal tornò tutto meo bello!
Sì del meo mal mi dol; ma più per Deo
ème lo vostro, amor, crudele e fello;
ca s’eo tormento d’una parte forte,
e voi da l’altra più strigne ‘l chiavello,
como la più distretta enamorata
che mai fosse aprovata;
ché ben fa forza dimession d’avere
talor bass’omo in donn’alta capere;
ma ciò non v’agradìo già né v’agrata:
donque d’amor coral fu ‘l ben volere.
Amor, merzé, per Deo, vi confortate,
ed a me non guardate,
ché picciol è per mia morte dannaggio
ma per la vostra, amor, senza paraggio.
E forse anche però mi ritornate,
se mai tornare deggio, in allegraggio.
Amore, Amor, più che veneno amaro,
non già ben vede chiaro
chi se mette in poder tuo volontero:
che ‘l primo e ‘l mezzo n’è gravoso e fero
e la fine di ben tutto ‘l contraro,
o’ prende laude e blasmo onne mistero.