Guittone d’Arezzo, Tutto mi strugge ‘n pensero e ‘n pianto

Tutto mi strugge ‘n pensero e ‘n pianto,
amore meo, la fera dubitanza
che aggio, che la noia e lo spavento,
ch’è fatto voi, non vo sconforti tanto,
che l’amorosa nostra delettanza
vo faccia abandonare a gran tormento,
Ma poi mi riconforta e fa isbaldire
vostro franco coraggio
e la fina valenza,
che già per la temenza
di lor villano usaggio
non vi lasci far cosa di fallire.
Sovente, amor, son eo ripreso forte
che d’amar voi diparta mia intendanza:
eo dico in tutto ch’eo non son, ni foi,
vostro amador; che par dolor de morte
lo cor mi parta: e aggiate per certanza,
per quella fede, amor, che porto voi,
non me ‘nde porea cosa entervenire
per ch’eo già mai negasse
lo vostro fino amore;
ma temo che l’aunore
vostro no ‘nde abbassasse:
così mi struggo, istando a gran martire.
Se quei che ‘l nostro amor voglion storbare
vedesser ben com’elli è gra’ ‘mpietanza,
non serea in ciò già mai, amor, lor cura;
ma, poi no ‘l sanno, si convene trare
a noi tant’angosciosa doloranza,
non se i porrebbe mai poner misura.
Ma ciò no voi sconforti, amor, per Deo:
che già no è valenza
saver star pur a gioia,
ma verso de gran noia
far bona sofferenza:
e torna tosto, a ragion, bon lo reo.