Guittone d’Arezzo, Vegna, – vegna – chi vole giocundare

Vegna, – vegna – chi vole giocundare,
e a la danza se tegna.
Vegna, vegna, giocundi e gioi[a] faccia
chi ama Te, da cui sol’ onni gioia;
e chi non T’ama, Amor, non aggia faccia
di giocundare in matera de noia.
Degna, – degna; – non pò che reo portare
chi Te, gioioso, disdegna.
No è mai gioia né solaccio vero
che’n Te amar, Gesù sponso meo caro:
tant’ amabel se’ tutto e piacentero,
dolc’ è Tec’ onni dolce e onni amaro.
Tegna, – tegna – lo core in Te amare,
sì che tutt’altro disdegna.
Profet’e santi invitan noi, Amore,
che ‘n allegranza Te dovemo amare,
e cantar canti e inni in Tuo lausore
und’onni lauda e onni gloria pare.
Stregna, – stregna – Amor noi sempre fare
ciò che d[e]ritto n’asegna.
O vita vital per cui eo vivo,
for cui vivendo moro e vivo a morte,
e gaudio per cui gaudo e son gioivo,
for cui gaudendo onni dolor mi sorte,
degna, – degna – la mia alma sponsare
e farlaTe tutta degna.
O vero gaudio del mio spirto, gauda
con tutto piacer di Te l’alma mia,
sì che Tuo viso veggia e Tua voce auda
loco ‘ve gaudio tutto eternal sia.
Regna, – regna – in me sì, che regnare
mi faccia com’ giusto regna.
Or venite, venite e giocundate,
sponse del mio Signore e donne mie,
e de tutt’allegrezza v’allegrate,
amando Lui de pur cor ciascun die.
Sdegna, – sdegna – bon cor ciò che non pare
‘al suo Segnor ben s’avegna.
Tegna, – tegna, chi cher pene, penare,
e a Tua danza non vegna.