Iacopone da Todi, Amor dolce senza pare – sei tu, Cristo, per amare

Amor dolce senza pare – sei tu, Cristo, per amare.
Tu sei amor che coniugni, – cui più ami spesso pugni;
onne piaga, poi che l’ugni, – senza unguento fal sanare.
Amor, tu non abandoni – chi t’offende, sì perdoni;
e de gloria encoroni – chi se sa umiliare.
Signor, fanne perdonanza – de la nostra offensanza,
e de la tua dolce amanza – fanne um poco assagiare.
Dolce Iesù amoroso, – più che manna saporoso,
sopra noi sie pietoso, – Signor, non n’abandonare.
Amor grande, dolce e fino, – increato sei divino,
tu che fai lo serafino – de tua gloria enflammare.
Cherubin ed altri cori, – apostoli e dottori,
martiri e confessori, – vergene fai iocundare.
Patriarche e profete – tu tragisti da la rete,
de te, amor, àver tal sete – non se crédor mai saziare.
Dolce amor, tanto n’ame, – al tuo regno sempre clame,
saziando d’onne fame, – tanto sei dolce a gustare.
Amor, chi de te ben pensa, – giammai non dei far offensa
tu sei fruttuosa mensa – en cui ne devem gloriare.
Nella croce lo mostrasti, – amor, quanto tu n’amasti;
ché per noi te umiliasti – e lassasti cruciare.
Amor grande fuor misura, – tu promission sicura,
de cui nulla creatura – d’amar non se può scusare.
Dàite a chi te vol avere, – tu te vien a proferere,
amor, non te puoi tenere – a chi te sa ademandare.
Ademando te amoroso – dolce Iesù pietoso,
che me specchi el cor gioioso – de te solo, amor, pensare.
Lo pensar de te, amore, – fa enebriar lo core,
vol fugir onne rumore – per poterte contemplare.
Contemplando te, solazo, – pargli tutto ‘l mondo lazo,
regemento fa de pazo – a chi non sa el suo affare.
Tu se’ amor de cortesia, – en te non è villania,
dàmmete, amor, vita mia, – non me far tanto aspettare.