Iacopone da Todi – Fiorito è Cristo nella carne pura

Fiorito è Cristo nella carne pura,
or se ralegri l’umana natura.
Natura umana, quanto eri scurata,
ch’al secco fieno tu eri arsimigliata!
Ma lo tuo sposo t’ha renovellata,
or non sie ingrata – de tale amadore.
Tal amador è fior de puritade,
nato nel campo de verginitade,
egli è lo giglio de l’umanitade,
de suavitate – e de perfetto odore.
Odor divino dal ciel n’ha recato,
da quel giardino là ove era piantato,
esso Dio dal Padre beato
ce fo mandato – conserto de fiore.
Fior de Nazzareth si fece chiamare,
de la Giesse Virgo vuols pullulare,
nel tempo del fior se volse mostrare,
per confermare – lo suo grande amore.
Amore immenso e carità infinita
m’ha demostrato Cristo, la mia vita;
prese umanitate in deità unita,
gioia compìta – n’aggio e grande onore.
Onor con umilità volse repecere,
con solennità la turba fe’ venire,
la via e la cittade refiorire
tutta, e reverire – lui como Signore.
Signor venerato con gran reverenza,
poi condannato de grave sentenza,
popolo mutato senza providenza,
per molta amenza – cadesti in errore.
Error prendesti contra veritade
quando lo facesti viola de viltade,
la rosa rossa de penalitate
per caritade – remutò el colore.
Color naturale ch’avea de bellezza
molta in viltade prese lividezza,
con suavitade portò amarezza,
tornò in bassezza – lo suo gran valore.
Valor potente fo umiliato,
quel fiore aulente tra piè conculcato,
de spine pungente tutto circundato,
e fo velato – lo grande splendore.
Splendor che illustra onne tenebroso,
fo oscurato per dolor penoso,
e lo suo lume tutto fo renchioso
en un sepolcro – nell’orto del fiore.
Lo fior reposto giacque e sì dormìo,
renacque tosto e resurressìo,
beato corpo e puro refiorìo
ed apparìo – con grande fulgore.
Fulgore ameno apparìo nell’orto
a Magdalena che ‘l piangea morto,
e del gran pianto donògli conforto,
sì che fo absorto – l’amoroso core.
Lo core confortò agli suoi fratelli,
e resuscitò molti fior novelli,
e demorò nello giardin con elli,
con quegli agnelli – cantando d’amore.
Con amor reformasti Tomaso non credente,
quando li mostrasti li tuoi fiori aulente,
quali reservasti, o rosa rubente,
sì che incontinente – gridò con fervore.
Fervore amoroso ebbe inebriato,
lo cor gioioso fo esilarato;
quando glorioso t’ebbe contemplato,
allora t’ebbe vocato – Dio e signore.
Signor de gloria sopra al ciel salisti,
con voce sonora degli angeli ascendesti,
con segni di vittoria al Padre redisti,
e resedisti – in sedia ad onore.
Onor ne donasti a servi veraci,
la via demostrasti a li tuoi sequaci,
lo spirito mandasti accio che infiammati
fussero i sequaci – con perfetto ardore.