Iacopone da Todi, La bontade se lamenta

La Bontate se lamenta
che l’Affetto non l’à amata;
la Iustizia à appellata
ché i ne deia rason fare.
La Bontate à congregate
seco tutte creature
e denante al iusto Deo
sì fa molto gran remore:
che sia preso el malfattore,
siane fatta gran vendetta,
ché à offesa la diletta
nel suo falso delettare.
La Iustizia enn estante
l’Affetto sì à pigliato
e con tutta sua famiglia
en preson l’à ‘ncarcerato,
ché dé’ esser condennato
de la ‘niuria c’à fatta;
tràlisse fore una carta,
qual non pò contradiare.
L’Affetto pensa ensanire,
po’ che sse sent’en presone,
ché solìa aver libertate,
or soiace a la Rasone;
la Bontà n’à compassione,
succurre che non peresca,
de grazia li dà una lesca,
ennel senno el fa artornare.
L’Affetto, po’ gusta el cibo
de la grazia gratis data,
(lo ‘Ntelletto êla memoria
tutta en sé ll’à renovata)
êla voluntà mutata
plagne con gran discidranza
la preterita offensanza;
e nullo consol se vòl dare!
·n’empreso novo lenguaio,
che non sa dir se none «Amore».
Plagne, ride, dole e gaude,
securato con temore;
e tal’ signi fa de fore
che pagono d’omo stolto;
dentro sta tutt’aracolto,
non se sente de for que fare.
La Bontate se comporta
questo amore furioso,
ché con isso se sconfige
questo mondo tenebroso;
el corpo lussurioso
sì remette a la fucina;
perde tutta la sentina,
che ‘l facìa detoperare.
La Bontà suttrã a l’Affetto
lo gusto del sentimento;
lo ‘Ntelletto, ch’è ‘n presone,
esce en so contemplamento:
l’Affetto viv’en tormento,
de lo ‘Ntenner se lamenta
ch’el tempo l’empedementa
de corrotto che vòl fare.
Lo ‘Ntelletto, po’ che gusta
lo sapor de Sapienza,
lo sapor sì llo asorbisce
ne la sua gran complacenza;
l’occhi de la Entelligenza
ostopesco del vedere,
non voglio altro mai sentire,
se non questo delettare.
L’Affetto non se cci acorda,
ché vòl altro ca vedere!
Cà ‘l so stomaco se more,
se no i porge que paidire;
vòle a le prese venire,
sì à fervido appitito,
lo Sentir, che i ss’è fugito,
plagne senza consolare.
Lo ‘Ntelletto dice: «Tace!
con me dare plu molesta,
cà la gloria che eo veio
sì m’è gaudiosa vesta:
non me turbar questa festa;
deveri’ esser contento
contentar lo to talento
en questo meo delettare».
«Oi me lascio, que me dice?
Par che me tenghi en parole,
cà tutto ‘l to vedemento
sì mme pago che sian fole,
ché consumo le mee mole,
che non n’ò mo macenato;
e aio tanto deiunato
e tu me ‘n sta’ mo a gabare».
«Non te turbar, s’eo me veio
beneficia create;
cà per esse sì conosco
la divina bonetate;
siram reputat’engrate
a non volerle vedere,
però te deverìa placere
tutto esto meo fatigare».
«Tu cci ofendi qui la fede
de gir tanto speculando,
de la sua emmensitate
de girla sì abreviando;
e vai tanto asuttigliando
che rumpi la legatura,
e tòllim’el tempo e l’ora
del meo danno arcoverare».
Lo ‘Ntelletto dice: «Amore,
ch’è condito de sapere,
pareme plu glorioso
ca questo che vòi tenere;
s’eo m’esforzo a vedere
chi, a cui e quanto è dato,
sirà l’amor plu levato
a poterne plu abracciare».
«A me par che Sapienzia
en questo fatto è eniurata;
de la sua emmensitate
averla sì abreviata!
Per veder cosa creata,
nulla cosa n’ài compreso
e tènme sempre sospeso
en morirm’en aspettare».
La Bontate n’à cordoglio
de l’Affetto tribulato;
poneli una nova mensa,
ché à tanto deiunato.
Lo ‘Ntelletto ammirato,
l’Affetto entr’a la tenuta;
la lor lite si è fenuta,
per questo ponto passare.
Lo ‘Ntelletto sì è menato
a lo gusto del sapore,
l’Affetto trita co li denti
et egnotte con fervore;
po’ lo coce con l’amore,
trann’el frutto del paidato:
a le membra à despensato
dónne vita pozzan trare.