Iacopone da Todi, L’amor ch’è consumato – nullo prezzo non guarda

L’amor ch’è consumato – nullo prezzo non guarda
né per pena non tarda – d’amar co fo amato.
Consumato l’amore, – sì va pene cercando,
se ama sé dilettando, – sta penoso.
E con grande fervore – al diletto dà bando,
per viver tormentando – angoscioso.
Allora sta gioioso – e sé conosce amare,
se fugge el delettare – e sta en croce chiavato.
Servo che prezzo prende, – ch’ama sempre diletto,
sì porta nell’affetto – pagamento.
Per lo prezzo vendere – lo prezzo, gli è difetto;
non è anco perfetto – lo stormento.
Se amor non fo tormento, – sì non fo virtuoso,
né sirà glorioso – se non fo tormentato.
L’amor vero, liale – odia sé per natura,
vedendosi mesura – terminata.
Perché puro, leale – non ama creatura,
né se veste figura – mesurata.
Carità increata – ad sé lo fa salire,
e falli partorire – figlio d’amor beato.
Questo figlio che nasce – è amor più verace
de onne virtù capace, – copiosa.
Dove l’anima pasce – fuoco d’amor penace,
notricasi de pace – gloriosa.
E sta sempre gioiosa – e si ‘namora tanto,
che non potrebbe el quanto – esser considerato.