Iacopone da Todi – O peccator dolente, – che a Dio vuol retornare

O peccator dolente, – che a Dio vuol retornare,
questa lauda t’ensegna – quello che déi fare.
Tu déi esser pentuto – de tutto el tuo peccato,
e déilo confessare – col core umiliato,
e far la penitenza – sì como t’è comandato,
e, poi che l’hai lassato, – nol déi mai repigliare.
Tu déi ben perdonare – chi t’ha fatto offensanza
col core e con la bocca – senza niuna fallanza;
e se tu bai altri offeso, – déi cheder perdonanza
acciò che Iesù Cristo – ti degga perdonare.
Se tu hai de l’altrui, – rendelo interamente,
quanto puoi più cetto – non lo ‘nduciar niente;
e non ti confidare – né in figlio né in parente,
perché hanno costumanza – del troppo retardare.
Tu déi recessare – onne ria compagnia,
per ciò che fa cadere – molto cetto in follia;
e costumar con buoni – che ti don buona via,
per la qual tu possi – l’alma tua salvare.
La bocca déi aver chiusa – e la lengua affrenata,
e non li trar lo freno, – se non poche fiata;
e sempre sie sollicito – tenerla ben guardata,
per ciò che ha costumanza – de molto morsecare.
Chi la sua bocca ha aperta – e la lengua tagliente,
molto legiermente – deventa maldicente;
ed onne ben che fai – poco ti vale o niente,
ché la tua mala lengua – tutto tel fa furare.
Al tuo corpo misero – non déi acconsentire,
per ciò che sempre vole – manecare e dormire,
e non cura niente – giamai a Dio servire,
en ioco ed in solazo – sempremai vorrìa stare.
Fallo levar per tempo – senza nulla pigrezza,
e mettilo in fatica – che non li sia agevolezza,
e vallo recessando – d’onne carnal vaghezza;
se questo non li fai, – te farà tralipare.
Falli fare astinenza, – che non sia più goloso;
partar li panni aspri, – che non sia più gioioso;
ed operare buone opere – che non stia più ozioso,
e, perché è mal servo, – délo disciplinare.
Tu déi stare affissato, – non déi gir molto atorno,
ché nuoce de vedere – le vanità del monno;
non porrar gli occhi in alto, – ma portali in profonno,
per ciò che son ladroni – de l’anima predare.
Quello che l’occhio vede – sì lo riporta al cuore,
el falo repensare – de lo carnale amore,
e, poi che ci ha pensato, – sì retrova el pegiore,
e perciò e buona cosa – sempre l’occhio guardare.
Tu déi guardar l’orecchie – da li mali udimenti,
e retener le mano – dai villan toccamenti,
e déi esser ben composto – nelli tuoi portamenti,
sì che onne om che ti vede – si possa edificare.
Tu déi stare all’offizio – molto devotamente,
e de onne adversitate – déi essere paziente;
ad qualunche te domanda, – rispondi umilmente,
ed onne intenza inutile, – quanto puoi, recessare.
Non déi essere schifo, – né molto desdegnoso,
sì com’è lo zitello – che è superbo e lagnoso;
le mano déi aver larghe – e lo core pietoso,
ed onne cosa che dai, – molto volontier dare.
Le parole de Dio – volontier déi udire,
ed alli tuoi prelati – umilmente ubidire,
e li santi sacerdoti – in reverenzia avere,
perciò che son pastori – per l’anime salvare.
E ciascuno in suo luoco – déi portare in amore,
e conservare pace – sempre nel tuo core,
ed onne altra persona – déi credere tuo migliore,
e ‘n tutti li tuoi fatti – te déi umiliare.
L’umilitate è quella – che fa essere amato,
e da Dio e dal mondo – essere esaltato,
e lo tuo core sempre – te fa aver consolato,
perciò la umilitate – molto la devi amare.
Tu devi lo tuo core – conservare en netteza,
non li lassar pensare – nulla laida laideza,
acciò che possi fare – più degna peniteza,
en nullo male amore – te devi delettare.
La tua confessione – déi far molto spesso,
e li tuoi offendimenti – déi dicere tu stesso,
acciò che Cristo Dio – sempre ti stia dapresso,
de li suoi benefizi – lo déi regraziare.
Tu te déi sforzare – de gire sempre inanti,
e non tornare endrieto – sì como fon li granchi,
acciò che tu aggi – la corona de li santi,
nel ben c’hai cominciato – devi perseverare.