Iacopone da Todi – Perché m’hai tu creata, – o creatore Dio

Perché m’hai tu creata, – o creatore Dio,
e poi recomperata – per Cristo lesù mio?
Amor, tu m’hai creata – per la tua cortesia,
ma so villana stata – per la mia gran follia,
fuor de la mia contrata – smarrita aggio la via,
la vergine Maria – me torni all’amor mio.
Anima peccatrice, – co l’hai potuto fare,
o falsa meretrice, – senza lo sposo stare?
Ché sai che esso lo dice: – «Chi a me vorrà tornarè,
farollo delettare – nello dolce amor mio.»
Occhi miei, piangete, – non cessate a tutte ore,
ché fare lo dovete – per trovar l’amore;
ch’io n’aggio sì gran sete, – che me strugge el core,
de Cristo Salvatore, – ché esso è l’amor mio.
O Pier, Paulo e Giovanni, – lo dolce Evangelista,
Gregorio ed Augustino – e l’amante Battista,
rendeteme l’amore – ch’io non sia sì trista,
morragio s’io sto in quista – ch’io non aggia l’amor mio.
O umile Francesco, – de Dio tutto enfiammato,
che Cristo crucifisso – portasti in cor formato,
priega el mio gran Signore, – ch’io ho tanto aspettato,
che tosto a l’apenato – soccorra l’amor mio.
O crucifisso amore, – recòrdati la lancia,
che te fo data al core – per me trar de pesanza;
donqua ritorna, amore, – non far più demoranza,
fallami la speranza – s’io non t’ho, amor mio.
Non posso più soffrire – li tuoi lamenti,
gli amorosi languire – che tu fai spessamente;
or briga de venire, – lieva in alto la mente,
farrotte esser gaudente – del dolce Iesù mio.
Or te diletta, sposa, – de me quanto tu voli,
ché ben sei gloriosa, – tanto d’amor tu oli!
Non essere vergognosa, – non c’è perché te duoli,
trovato hai quel che voli, – cioè el dolce amor mio.