Iacopone da Todi, Que farai, morte mia, – che perderai la vita?

Que farai, morte mia, – che perderai la vita?
Guerra infinita – sirà tuo cuor demorare.
Or que farai, morte mia, – che perderai la vita?
Se io t’aggio nutrita – io me ne pento;
e poi la morte non tornai a vita, – guerra infinita
sì t’arepresento; – però taccio ed assento,
quel che voglio non faccio – e quel che voglio desfaccio;
la lengua ne taccio – co omo obstinato.
Non enante la morte – se trova la vita;
oìmè! te vita – porriate trovare;
ma po’ la morte – se truova la vita,
ma perde la vita – cotal demorare;
elato me pare – cotal exercire,
non può pervenire – a lo infinito stato.
Oimè! – ed io per te vo te fugendo,
parlando tazo, – lassando allazo,
dentro a la pelle – sta lo encreato.
Oimè! la tua pelle – è tanto rotta,
che dentro non può stare; – or facciamo che sia morta,
la vita sua fori a lo scorticare – per fede te convien passare,
e desperanza trovare – del bene e del male
esser scortecato.
Dentro a lo scortecato s’è remesso – colui che vo cercanno,
or faciam che sia quesso – voler morir per non vivere entanno;
par molto cosa dura – la morte e la vita far una,
mozzare onne figura – e non posseder nullo aspetto.
Mozzata onne figura – de lo suo iudicato,
cacciato onne sospetto – de lo suo principato,
negato el suo volere – como non fusse nato,
omo anichilato – vive nel suo avetare.
El mio avetare è quesso – de sotto a onnecovelle
e so en tal luoco messo – ben ne dirò le novelle,
non sa fin ca ne stende, – agiogne en onne luoco,
e questo molto par poco – a chi non l’ha comparato.
Dentro a lo comparato s’è remesso – colui che s’è venduto,
or facciam che sia quesso – voler morir per render lo tributo;
e questa è la cagione, – per retribuzione
a terzo dine serai resuscitato.
Resuscitato, pareme morire, – en mente e ‘n atto
vergogna non fugire, – ed ad onore non so tratto,
piacere e despiacere, – non far con nullo patto,
desperato tragiatto – al viso ioco ha passato.
Passa fede e speranza – la credenza del certo,
la caritate unisce, – spogliase ne l’affetto,
cacciato onne volere, – mozzato onne sospetto,
non ci ha trovato aspetto – el vero trasformato.
Trasformato la imagine – de Dio la simiglianza,
ha pensato e postose – de non far mai più fallanza,
li angeli de cielo sguardano – en questa simiglianza,
presi da l’abundanza – de l’omo ch’è reformato.
Reformato nell’essere – de la virtù creata,
trasformata ne l’essere – envisibile encreata,
visibile invisibile – non nobile avilare,
el suo vilare – per nobile avilato.
Quello che è non se può dire, – puòse dire quel che non è;
lo dir vero si è mentire, – lo mentire è quello che è;
ed è tanto alto quello che è, – non ha forma né mesura;
e fuor de la imaginatura, – ché non me ci ho trovato.