Inghilfredi, Greve puot’om piacere a tutta gente

Greve puot’om piacere a tutta gente,
perch’eo parlo dottoso
e sì come om che vive in grande erranza,
poi veo saglire inganno malamente
di tal guisa odioso,
cui no ‘l com[]m]ise è data pesanza;
eo veo saglir lo non sagio in montanza
e sovrastar li savi adottrinati,
e li argomenti veduti, apensati
mette[r] paz[z]ia per folle oltracuitanza.
Chi non è sagio non de’ amaestrare
e chi folle comenza
mal po finir ca sagio si’ aprovato;
per che ‘l meo cor sovente de’ penare,
poi mala provedenza
vole giachir naturale pensato;
ed è ‘n tal guisa corso sormontato,
che veo signori a servi star subietti
e servi a signoria essere eletti.
Non pò finir chi non à cominzato.
Non laudo cominzar senza consiglio,
nè no m’è a piacirnento
dar lodo a chi com[m]ette fallisione.
Chi ciò consente cade in gran ripiglio
e chi tace contento
di no avanzar chi sa mostrar rasone;
ca giusto ae divenir chi nd’à casone:
se bon consiglio crede, va montando,
e chi follia solleva, [va] bassando:
lo frutto lauda ‘l flor quand’è stasione.
Non piace fior senza frutto a signore;
a cui falla spcranza
considera lo tempo che à venire.
Vana promessa messo m’à in errore,
e folle sicuranza
mi fa del parpaglion risovenire,
che per clartà di foco va a morire:
così mi ‘mpiglio credendo avanzare,
ca molti doglion per troppo affidare;
lo pesce aesca l’amo unde à perire.
Poi che tant’agio contrario veduto,
cangiato m’è ‘l disio
e sto com’om ch’è di duol quasi vinto;
ciò che di gioi[a] mi donava aiuto
m’ave miso in oblìo,
in fera vampa di foco m’à stinto;
e son di pene di ‘[n]torno sì ac[c]into,
c’ogne sustanza di ben m’abandona
a for del tempo, c’un pensier mi dona,
c’a me medesmo dispiaciomi pinto.
Tant’à lo mal lo ben da sè distinto,
ca chi più falla di lodo à corona
e chi ben opra di lui mal si sona;
ogni bon presio di bon loco e spinto.