Inghilfredi, Poi la noiosa erranza m’à sorpriso

Poi la noiosa erranza m’à sorpriso
e sagiato di sì crudel conforto,
voglio mostrare qual è ‘l mio coragio,
ch’eo sono in parte di tal logo miso
ch’eo son disceso e non son giunto a porto;
in gran bonaccia greve fortun’agio
e son dimiso da la signoria,
da regimento là ‘nde son signore,
tant’è l’af[f]anno che porta ‘l meo core
ove allegranza vince tuttavia.
Vinco e ò vinciuto e tuttor[a] perdo,
là u’ son riceputo istò cacciato,
in isperanza amarisco mia spene,
di gran gio[i] mi consumo e mi disperdo;
sì mi distringe là u’ sono alargato,
in allegreza pianger mi convene.
Adonqua [è] Amor che la vita m’acresce,
poi sono amante di ciò che disamo
e vo negando ciò che voglio e bramo
e vivo in gio[i] come nell’aigua il pesce.
Però, madonna, senza dir parlate,
poi no l’avete datelmi, c’Amore
non vol che donna quel c’à degia dare,
e fate vista di scura cartate.
La caccia è presa là v’è ‘l cacciatore;
non trovo d’aigua e vo per essa in mare,
a tal son miso che fugendo caccio
e sono arieto com’ più vado anante,
se non m’accore di voi lo sembiante,
che l’om disciolto ten legato a lac[c]io.