Jacopo d’Aquino, Al cor m’è nato e prende uno disio

Al cor m’è nato e prende uno disio
d’amar, che m’à sì lungiamente priso
e sì mi stringe forte ch’io non crio
che d’altr’amor mi piacc[i]a gioi nè riso.
Vaio nè griso, – nè nulla gioi che sia
io non vor[r]ia,
nè signoria,
ma tut[t]avia – veder lo bello viso.
Così m’afina Amore, che m’à tolto
core e disio e tut[t]a la mia mente,
e d’altra donna amar non sono ac[c]orto,
che tanto si’ amorosa nè piacente;
non m’è neente – sed io son d’altr’amato,
o disïato;
ben l’ò provato,
mentr’io son stato – lontan da la più gente.
Ancor ch’io sia lontano in altra parte,
là ‘v’unque io vado il suo amar mi mantene
e già mai dal mio core non si parte,
nè altra donna amar non mi sovene;
per zo m’avene – ca, s’io sogno la vio,
dormo e donnio,
vegliar mi crio,
mai non disio – d’aver null’altro bene.
Membrandomi la sua ciera piagente,
veder la creo tut[t]a per sembianti
com’om c’a lo spec[c]hiare tene mente;
così mi pare ch’io l’agia davanti,
poi sono tanti – li sospiri, membrando,
pur aspettando
e disïando
di veder quando – io l’agia [ a me ] davanti.