Lippo Pasci de’ Barbi – Compar, che tutto tempo esser mi sòli

Compar, che tutto tempo esser mi sòli
sì ubbidente come a tuo maestro,
a·ffede mando a·tte (perké al destro
mi tengo in faticarti, e so ke vuoli
ch’i’ ‘l faccia, ké d’amico non ti duoli
possilo tu servir) che a·sSalvestro
ricordi che d’aver contento ne strò
cinquanta [o] cento di que’ suoi magliuoli.
E saver puoli – mi fann’ uopo tosto,
però ch’al fatto mio il tempo passa,
onde ti priego che ‘n ciò ti fatichi,
intanto ke da mia parte sì dichi
il centinaio assai verebbe massa
per acconciare e abellir mi’ mosto.