Lorenzo il Magnifico – Belle, fresche e purpuree viole – Audiobook – MP3 – Lettura di Valerio Di Stefano

Belle, fresche e purpuree viole,
che quella candidissima man colse,
qual pioggia o qual puro aer produr volse
tanti più vaghi fior’ che far non suole?

Qual rugiada, qual terra o ver qual sole
tante vaghe bellezze in voi raccolse?
Onde il suave odor natura tolse,
o il ciel, che a tanto ben degnar ne vuole?

Care mie violette, quella mano
che vi elesse intra l’altre, ove eri, in sorte
vi ha di tante eccellenzie e pregio ornate!

Quella che il cor mi tolse, e di villano
lo fe’ gentile, a cui siate consorte,
quella adunque, e non altri, ringraziate!

Tratto da: http://www.controversi.org

http://www.classicistranieri.com/viole/viole.mp3

copyright (c) 2011 – Valerio Di Stefano – Tutti i diritti riservati

Ascoltabile anche attraverso il nostro lettore virtuale:

http://www.classicistranieri.com/viole/viole.mp3

(Visited 25 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

Lascia un commento