Ludovico Ariosto – Dopo mio lungo amor, mia lunga fede

Dopo mio lungo amor, mia lunga fede,
e lacrime e suspiri ed ore tetre,
deh! sarà mai che da Madonna impetre
al mio leal servir qualche mercede?
Ella vede ch’io moro, e che nol vede
finge, come disposta alla mia morte.
Ahi dolorosa sorte,
che di sua perfezion cosa sì bella
manchi, per esser di pietà ribella!
Lasso! ch’io sento ben che in que’ dolci ami,
ove all’esca fui preso, o mia nimica,
è l’amaro mio fin. Né perché ‘l dica
mi giova, perché Amor vuol pur ch’io v’ami,
e ch’io tema e ch’io speri e ‘l mio mal brami,
e ch’io corra al bel lampo che mi strugge,
e segua chi mi fugge
libera e sciolta e d’ogni noia scarca,
con esta vita stanca e di guai carca.
Né mi pento d’amar, né pentir posso,
quantunque vada la mia carne in polve,
sì dolce è quel venen nel qual m’involve
Amor, che dentro ho già da ciascun osso,
e d’ogni mio valor così mi ha scosso
che tutto in preda son del gran disio
che nacque il giorno ch’io
mirai l’alta beltà, ch’a poco a poco
m’ha consumato in amoroso foco.
Se mai fu, Canzon mia, donna crudele
al suo servo fedele,
tu puoi dir che l’è quella, e non t’inganni,
che vive, acciò ch’io mora de’ miei anni.