Mazzeo di Ricco, La ben aventurosa innamoranza

La ben aventurosa innamoranza
tanto mi stringe e tene,
che d’amoroso bene – m’asicura.
Dunqua non fa lo meo cor soperchianza,
si ismisuratamente
di voi, donn’avenente, – si ‘nnamura.
Ca s’omo à dismisura,
conservando leanza
non fa dismisuranza,
sì che sia da blasmare:
c’ognunque cosa si può giudicare
perfettamente bona in sua natura.
Dunqua, sì com’io uso ismisuranza
in voi, madonna, amare,
eo non so da blasmare – per rasione.
Però, madonna, solo una fallanza
non mi dovria punire,
poi c’a lo meo fallire – ebbi casione.
Senza riprensione
pot’omo folleiare
e talor senno usare,
ch’è pegio che follia;
per zo, madonna, ogn’omo doveria
savere ed esser folle per stasione.
Da voi, madonna, fu lo nascimento
de la mia ‘namoranza,
und’ò ferma speranza – in vostro amore;
chè tuttavia lo bon cuminciamento
mi fa considerare
ch’eo degia megliorare – a tutesore.
Ca lo bon pingitore
in tanto è da laudare
quanto fa simigliare
tutta la sua pintura,
sì che sia naturale la figura.
Però da voi aspetto lo megliore.