Mazzeo di Ricco, Lo core innamorato

«Lo core innamorato,
messere, si lamenta
e fa piangere li occhi di pietate;
da me este alungiato,
e lo meo cor tormenta
vegnendo a voi lo giorno a mille fiate.
Avendo di voi voglia,
lo meo cor a voi mando,
ed ello vene e con voi si sogiorna;
e poi a me non torna,
a voi lo racomando
no li faciate gelosia, nè doglia».
«Donna, se mi mandate
lo vostro dolze core
innamorato sì come lo meo,
sacciate in veritate
ca per verace amore
inmantenente a voi mando lo meo,
perchè vi degia dire
com’eo languisco e sento
gran pene per voi, rosa colorita;
ch’eo non agio altra vita,
se non solo un talento:
com’eo potesse a voi, bella, venire».
«Messere, se talento
avete di venire,
nde son cento tanti disiosa.
Questo congiungimento
mi conduce a morire:
quant’eo più v’amo, e più ne son gelosa,
ed ò sempre paura
ne per altra intendanza
lo vostro cor non faccia fallimento;
und’eo tuttor tormento,
s’eo non ò siguranza
che d’altra donna non agiate cura».
«Di me, madonna mia,
non vi convene avire
nè gelosia, nè doglia, nè paura.
Omo non si por[r]ia
ne gli oc[c]hi compartire
che ne vedesse due ‘n una figura;
tanto coralemente
no m[i] por[r]iano amare,
che ‘n altra parte gisse lo mio core.
Così mi stringe Amore,
c’altro non posso fare
se non tornare a voi, donna valente».