Mazzeo di Ricco, Madonna, de lo meo ‘namoramento

Madonna, de l[o] meo ‘namoramento
c’assai più c’altamente
m’ave distretto e fatto ‘namorare,
incontro a meve a voi me ne lamento;
ma non mi val neiente,
ca lo meo cor non posso rinfrenare;
c’Amore, che sormonta ogne ardimento,
mi sforza e vince e mena al suo talento,
sì ch’io di meve no agio segnoria;
di ch’io mi doglio, avere la vor[r]ia,
c’assai gra[n] regno reg[g]e, ciò mi pare,
chi se medesmo può segnoregiare.
Po i ch’eo non posso me segnoregiare,
Amor mi segnoria.
Dunque è Amore segnor certanamente;
ma non posso già mai considerare
che l’Amore altro sia
se non distretta voglia solamente.
E s’Amore è distretta volontate,
per Deo, madonna, in ciò considerate
c’Amor non prende visibolemente,
ma par che nasca naturalemente;
e poi c’Amore è cosa naturale,
merzè dovete aver de lo mio male.
De lo meo male, ch’è tanto amoroso,
da poi ch’è così nato,
non mi dispero, ma spero alegranza:
c’a la fine sereno dilet[t]oso
vene tempo turbato;
per ch’io conforto la mia ‘namoranza.
E fin c’Amore, usando dirit[t]ura,
di voi, donna avenente, mi ‘namura,
voglio essere di voglia soferente;
chè più de’ l’omo avere alegramente
[di] molta cosa sola intenz[ï]one,
che di pic[c]iola gioia possessione.
D’alta possessione e gioia plagente
[eo] son posseditori,
avendo solamente alta speranza;
la quale à tal natura interamente,
c’a li maior furori
magiormente sovene e d[à] alegranza.
Ch’io so ch’io falleria vil[l]anamente
se no sperasse in voi complitamente.
Da poi c’Amor vi diede ogni belleze
finalemente e tut[t]e avenanteze,
ben so che troveragio in voi pietanza,
per ch’io vivo gioioso ‘n allegranza.