Michelangelo Buonarroti – Oilmè, oilmè, ch’i’ son tradito

Oilmè, oilmè, ch’i’ son tradito
da’ giorni mie fugaci e dallo specchio
che ‘l ver dice a ciascun che fiso ‘l guarda!
Così n’avvien, chi troppo al fin ritarda,
com’ho fatt’io, che ‘l tempo m’è fuggito:
si trova come me ‘n un giorno vecchio.
Né mi posso pentir, né m’apparecchio,
né mi consiglio con la morte appresso.
Nemico di me stesso,
inutilmente i pianti e ‘ sospir verso,
ché non è danno pari al tempo perso.
Oilmè, oilmè, pur riterando
vo ‘l mio passato tempo e non ritruovo
in tutto un giorno che sie stato mio!
Le fallace speranze e ‘l van desio,
piangendo, amando, ardendo e sospirando
(c’affetto alcun mortal non m’è più nuovo)
m’hanno tenuto, ond’il conosco e pruovo,
lontan certo dal vero.
Or con periglio pèro;
ché ‘l breve tempo m’è venuto manco,
né sarie ancor, se s’allungassi, stanco.
I’ vo lasso, oilmè, né so ben dove;
anzi temo, ch’il veggio, e ‘l tempo andato
mel mostra, né mi val che gli occhi chiuda.
Or che ‘l tempo la scorza cangia e muda,
la morte e l’alma insieme ognor fan pruove,
la prima e la seconda, del mie stato.
E s’io non sono errato,
(che Dio ‘l voglia ch’io sia),
l’etterna pena mia
nel mal libero inteso oprato vero
veggio, Signor, né so quel ch’io mi spero.