Mula da Pistoia – Omo saccente e da maestro saggio

Omo saccente e da maestro saggio
dè ‘nterrogar per apparar savere,
ond’i’ mi movo a voi, sì com’a maggio
dottor che sète, per ragion cernére
s’amor discende per gentil coraggio
o di che nasce, o se ven per piacere,
o s’egli ha in sé forza o signoraggio
e possa, quanta più se ne può avere.
E prego voi, sì come ‘l più pregiato
signor che di scienza m’insegnate,
d’esto dimando, sire, ch’eo vi chero:
ched’io non son da me tanto ‘nsegnato,
ched il possa saver per veritate,
ond’io mi torni al diritto sentero.