Natuccio Cinquino, A cui prudenza porge alta lumera

A cui prudenza porge alta lumera
di ver sentire in de l’occulte cose,
dar al nescente pò vera mainera
e chiarir fermo de le più dubbiose.
Ed eo da voi discreto ho ferma spera
di chiar savere ciò ch’è ‘n me ascose:
ch’ i’ aldo a saggi dire in voce vera
che ciò ch’aven piacente over dogliose,
cioè cose nel mondo a l’om che regna,
sia per miglior di lui senz’alcun fallo;
e come sia, non viso è per mia ‘ntenza:
ché s’alcun om’ resede in vita degna,
fôra lui vita mei’ che morte stallo:
se da ciò poi si parte, e’ va a perdenza.