Natuccio Cinquino, Aldendo dire l’altero valore

Aldendo dire l’altero valore
che ‘n vostro core – regna a compimento,
distringemi d’averne acontamento
per dicimento – o per altro labore.
E conoscensa aggio che ‘n me fiore
no è locore – d’aver ciò talento,
ma volontà mi dona movimento
c’apparimento – faccia all’alto fiore.
Unde dimando vo’: perché ‘l peccato
è pió amato – che ‘l ben fare o dire,
poiché di gir – savemo a perdissione?
E ciò credo sia sensa questïone:
qual è cagione – che ciascun ch’è nato
par c’obbriato – aggia ‘l sommo Sire?